PROGETTO PER IL RICORDO DEI MORTI E PER IL RACCONTO DEI VIVI, NATO IN SEGUITO AL COVID-19

Il Giardino degli Alberi Custode

è uno spazio verde individuato all’interno del centro abitato nel quale chi ha perso un proprio familiare o amico, potrà appendere agli Alberi Custode, durante una cerimonia pubblica, targhe recanti il nome e cognome del proprio caro, oppure una parola-chiave in suo ricordo, o un simbolo.

Gli Alberi Custode sono alberi speciali

indipendentemente dal tipo di albero e dal luogo in cui sono piantati, sono accumunati dal fatto che ad essi viene affidata la memoria di chi non c’è più, affinché resti presente e visibile, accarezzata dagli sguardi delle persone care, ma anche dal vento e dai raggi di sole.

image-from-rawpixel-id-2380667-jpeg.jpg
 

Il Giardino degli Alberi Custode è un progetto che vuole superare le singole e scollegate iniziative locali, per unire il nostro Paese in una rete di giardini, di memoria e di bene comune.

 

Più di questo, il Giardino degli Alberi Custode prevede, in seguito all'inaugurazione del luogo o dell'Albero Custode, l'attivazione di progetti di Death Education, Narrazione ed Elaborazione del Lutto, rivolti alla comunità, per favorirne la resilienza e la capacità di guardare con gioia verso il futuro.

 

SCARICA IL PROGETTO

Cliccando sul link sono consapevole di accedere al Pdf di un progetto

protetto da Copyright,

che non mi consente di divulgarlo, riprodurlo o realizzarlo senza specifico accordo con il team che l'ha creato e ne detiene i diritti.

Sì! Anche io faccio parte

delle persone oneste

che rendono bello il Pianeta!

HANNO CREATO

IL GIARDINO DEGLI ALBERI CUSTODE:

 

HANNO PATROCINATO/ COLLABORANO CON

IL GIARDINO DEGLI ALBERI CUSTODE:

Giovanna Calapai, psicologa e psicoterapeuta. Ideatrice e co-fondatrice del Giardino degli Alberi Custode e co-fondatrice di ALMA.THI, associazione capofila del progetto. Scopri di più cliccando sul logo:

logo_almathi_70%.jpg

Francesca Marchegiano 

professionista in ambito di storytelling e narrazione autobiografica, co-fondatrice del Giardino degli Alberi Custode e ideatrice del progetto 16SEI per la narrazione di sé nel Fine-Vita. Scopri di più cliccando sul logo:

Francesca Coppola e Stefano Melli, architetti paesaggisti collaboratori del Giardino degli Alberi Custode per la parte di ideazione del concept del verde e delle targhe della memoria da appendere agli alberi. Scopri di più cliccando sul logo:

Maria Angela Gelati, tanatologa, co-fondatrice di

Segnali di Vita, co-ideatrice e co-curatrice

de “Il Rumore del Lutto”,

autrice, formatrice e blogger.

Unico Master Universitario in Europa

inerente la tematica della Morte,

creato e diretto dalla Prof.ssa Ines Testoni

Scopri di più cliccando sul logo:

UNIPD.jpeg

Unica realtà in Italia che prevede un servizio di commemorazione ecologica in area boschiva.

Scopri di più cliccando sul logo:

boschi-vivi_edited.jpg

Realtà fondata dalla Dott.ssa Piera Giacconi, per formare professionisti in Medicina Narrativa con le Fiabe MillenarieScopri di più cliccando sul logo:

Banner 10^anniv Scuola Italiana Cantasto
 

VUOI CREARE UN GIARDINO DEGLI ALBERI CUSTODE?

Anche noi!

SCRIVICI:

Il tuo messaggio è stato inviato!